,

Lavorare in India

Molti emigrano in paesi stranieri in cerca di nuove e migliori posizioni lavorative, specialmente di questi tempi; alcuni emigrano in altri paesi europei (vista la cadute dei confini nazionali per i cittadini europei), altri verso gli USA, altri un pò più lontano, verso paesi emergenti come China o India.
Io in India ci vivo da 3 anni e spesso mi arrivano email di italiani che mi chiedono cosa fare per venire qui e cominciare una vita nuova; ho così deciso di scrivere questo post raccogliendo alcune basilari informazioni che tutti dovrebbero tenere in conto prima di fare un tale passo.




Premetto che l'India è un paese difficile e bisogna avere molta forza d'animo per superare i mille problemi giornalieri; credetemi, è uno dei peggiori grandi paesi al mondo in quanto a stato sociale, organizzazione, pulizia, e rispetto del prossimo.
Non sto qui a elencare (e non è il luogo per) le tante bellezze di un continente come questo, i tanti motivi (spirituali e non) che attraggono milioni di turisti ed emigranti verso uno dei più antichi luoghi di civilizzazione umana; qui voglio fare l'avvocato del diavolo, come da buona tradizione Romana (sono nato nella capitale) e darvi un briefing su cosa vi aspetta.
Per venire in India con un visto lavoro (Employment visa) serve uno sponsor per l'ottenimento dello stesso. Il che vuol dire che un'azienza (o un singolo datore di lavoro) interessato a voi si prende la briga di sbrigare le tante pratiche burocratiche che comporta l'assumere uno straniero (come in Italia d'altronde).

Il primo passo quindi è fare delle belle ricerche su internet e vedere le aziende che operano in India, o specificatamente nella città che più vi aggrada (Bangalore ha un'alta concentrazione di aziende del settore ingegneristico, Calcutta è la supposta capitale culturale, Mumbai per il cinema e i media, Dehli la televisione e i documentari...). Poi si deve mandare un Curriculum Vitae (qui chiamato impropriamente Résumé in quanto quest'ultimo è in effetti un sunto del Curriculum atto ad una lettura rapida del background del candidato). Molto importante è battere tutte le strade e quindi mandatelo un pò a tutti, ricordandovi però di modificarlo opportunamente in alcune parti per renderlo un pò unico per ogni soggetto; da evitare lo spam [da noi l'espressione popolare contenutisticamente equivalente è Copia e incolla (impropriamente usato)] del CV perchè non sortirebbe gli effetti desiderati.
Cercare se eventualmente ci sono aziende o persone italiane che gia lavorano in India; è generalemente molto più facile farsi assumere tra connazionali che da un'azienda indiana.

Secondo, sapere bene l'inglese; è una cosa abbastanza fondamentale, non solo nel lavoro, ma anche nella vita di tutti i giorni. Aggiungerei anche l'hindi, ma a conti fatti non importa come da noi importa l'italiano; se fate bene il vostro lavoro, non frega poi a nessuno se non sapete intrattenere una conversazione col fruttivendolo, d'altronde quasi nessuno ha lunghe conversazioni con persone di casta inferiore.
IMPORTANTE: il salario deve essere almeno di $ 25.000 l'anno (intorno alle 100.000 rupie al mese, o 1.500 euro) per tutti i salariati, eccezion fatta per alcune categorie (diplomatici e staff; cuochi etnici; allenatori sportivi; artisti assunti da hotel, club o quant'altro; tecnici e ingegneri che vengono qui per manutenzione di impianti e per il trasferimento delle competenze a locali; insegnanti e traduttori di lingua).
Una recente legge anti-immigrazione (pensavate che solo in Italia fossimo protezionisti?), ha infatti stabilito questa cifra come soglia minima per l'ottenimento del visto lavorativo. Ciò per evitare che la bassa manovalanza indiana fosse espropiata dei posti di lavoro da stranieri; la cosa è un pò ridicola perchè gli stranieri sono sempre una stragrande minoranza rispetto all'esercito di giovani indiani, e poi quasi nessuno (forse solo i disperati italiani a cui è stato tolto ogni rispetto al lavoro) vorrebbe veramente fare i lavori umili che qui equivalgono alla semi schiavitù per gli standard occidentali.
Al proposito quindi credo sia abbastanza difficile trovare uno sponsor (spiegato sopra) che sponsorizzi il vostro visto e sia disposto a darvi $ 2.000 al mese, a meno che voi non sia particolarmente "skilled" (esperto in qualche cosa, con qualità particolari), esattamente l'effetto che il governo indiano auspica grazie a questa legge. Questo perchè di ingegneri l'india ne sforna a tonnellate e, anche se posti di lavoro che ne sono, la stragrande maggioranza sono in realtà lavori mal retribuiti e in ambienti di lavoro e abitativi totalmente al di sotto dei nostri standard medi. Quella minoranza di lavori "alti" che permettono standard di vita europei (una buona assicurazione sanitaria, una casa in un quartiere decente, cibo internazionale, un veicolo, internet, aria condizionata, cinema...) è molto ricercata (da indiani e stranieri) e quindi la competizione è alta.

Ripeto quindi di spendere qualche giorno su internet (si trova parecchia roba su siti specializzati e blog di altri stranieri, come d'altronde voi avete fatto con me) e vedere le realtà lavorative in India che siano disposte a sborsare 100.000 rupie al mese; preparare poi dei bei curriculum; rinforzare l'inglese (l'accento indiano è ostico all'inizio, specialmente per una eventuale intervista telefonica); e infine cercare aziende italiane o datori di lavoro italiani (o per lo meno Non-indiani) perchè lavorare sotto gli indiani è spesso dura (molta differenza culturale, organizzativa...).
Detto questo, auguro buona fortuna a chiunque voglia fare un salto verso l'ignoto, specialmente a coloro (molti in Italia) i quali hanno studiato una vita e vedono le loro capacità totalmente lasciate a marcire per via di un mal governo che dura da almeno 30 anni.

D'altronde i governi li eleggono ancora i cittadini e quindi si usa pure dire che "ogni popolo ha il governo che si merita"...

Questo è il link ad una pagina FAQ dove trovate qualche informazione in più.

UPDATE
Alcuni siti su cui cercare offerte di lavoro in India:
http://www.naukri.com/
http://www.shine.com/
http://www.monsterindia.com/
http://www.jobstreet.co.in/
http://www.timesjobs.com
http://www.jobsahead.com